Archivi tag: Vita vera

24 dicembre

Ferve l’attività e soprattutto la tensione… A Marti è scesa la febbre, così riusciamo ad andare a Bardonecchia a fare il Natale da Clara, ma dobbiamo passare a prendere i nonni che non riescono a salire con tutta ‘sta neve. Così abbiamo dato parte dei nostri bagagli all’altro nonno che è partito stamattina, sant’uomo. Oa sto aspettando che Marti si addormenti, Cami finisca di lavarsi le lunghe chiome, Fra carichi la mia macchina prima di scendere in città a comprare l’ultimo regalo mancante. Devo ancora preparare valigie e cibarie ma volevo prendermi un attimo di riflessione tra un “dormi altrimenti non arriva Babbo Nataleeeeee” urlato oltre la frontiera del suono a Martina e un “chiudi quella caspita di doccia e soprattutto smettila di cantare che tua sorella non si riesce ad addormentare….” che ancora un po’ mi scoppiava la giugulare…

E’ Natale, mi dico. Dovrei essere più calma e sorridente, forse. Poi a Natale ricorrono un sacco di anniversari: il 24 dicembre del 1967 mentre suonavano le campane sono stata concepita (nientepopodimeno!!!) e a Natale del 1987 il primo bacio con Giorgio. Quindi adesso un bel respiro, OMHHHHHHHHHHHHHHHH

Driiiiiin! CHI CAZZO HA SUONATO IL CAMPANELLO??????!!!!!!!!

BUON NATALE!!!

Annunci

3 commenti

Archiviato in caro diario..., famiglia

Certezze

Ci sono delle certezze nella vita. E ci sono equazioni che non sbagliano mai. Una di queste è:

“Se hai davanti dai 3 ai 7 giorni di vacanza e ti sei già fatto un bel programmino che va dall’organizzare una gita fuoriporta a riuscire finalmente a fare tutte quelle commissioni che non riesci mai a sbrigare nei giorni normali, ebbene se questa è la situazione allora stai certa che almeno uno su tre dei tuoi figli avrà un febbrone da cavallo, solitamente la più piccola e bisognosa di attenzioni (ma a Firenze era invece toccato a Camilla…)”

Ci risiamo. Proprio ieri sera avevo detto ad alta voce: “Da quando Marti prende l’immunoactiv le si sono alzate le difese immunitarie e non si è più ammalata..” Ma mordersi la lingua ogni tanto no?!!!

Quindi data la protratta estancia a casetta ne ho approfittato per scattare due foto che posto qui. E sperate che Marti guarisca presto altrimenti vado a recuperare anche le diapositive dei viaggi…..

7 commenti

Archiviato in caro diario..., famiglia

Lunedì… e piove!!!

Ore 7.36, situazione casa Bernascone Bellantuono (c’è chi sostiene che è l’inverso, ma non credetegli!!!): Camilla è già fuori dalle 6.30 (l’ha portata quel santo di Giorgio) perchè oggi iniziano le riprese de LA SOLITUDINE DEI NUMERI PRIMI a scuola. Lei è “comparsa primaria”, con ben 4 cambi di vestiti, non ha diritto alla mensa dei “ruoli” ma deve condividere il suo pasto con le “comparse generali”… cmq la tensione e l’eccitazione erano palpabili già da ieri sera e infatti è andata pesante di tachidol (codeina allo stato puro). Francesco sta cercando negli armadi e in cantina gli indumenti più idrorepellenti che trova perchè oggi diluvia e lui deve lo stesso andare a scuola in moto – quella nuova!- perchè altrimenti tra il recupero di latino e il 70 che passa ogni ora tornerebbe a casa alle 4, troppo tardi per studiare (??!!!). Marti dorme nel mio letto dalle 6 più o meno. Ieri sera un testa a testa incredibile, per poco non le davo veramente una testata! Solite rugne prima di dormire: voglio venire nel tuo letto, voglio la coperta, non la voglio più, devo fare la pipì, no adesso non più, voglio papà, voglio Camilla, voglio Gessssssù Bambinooooooooo. Non ho più la pazienza di una volta…

Io invece me ne starei qui a guardare fuori l’alba e la brina sul prato e invece devo iniziare questa settimana caliente e sincopata come al solito, per fortuna che dopo aver lasciato Marti all’asilo (ricordare: ciuccio, libro biblioteca, lenzuolo, cuscino, coperta, grembiule pulito… una sfida!) vado da Adela per un’oretta a fare il punto della situazione,  o meglio,  il punto interrogativo/esclamativo della situazione!!!!

14 commenti

Archiviato in caro diario..., giornalisti

8028!!

Sembra il titolo di uno di quei film apocalittici americani (Giorgio vuole portarmi a vedere 2012 ma io punto istericamente i piedini…) e invece è il numero di visite al mio blog ad oggi…… UAUUUUUUUU

Che bello sapere che condivido il mio monologo esteriore (come lo chiamerebbe Davico Bonino) con così tanti aficionados… Bè qualcuno ci sarà pure arrivato per caso sul blog… ma poi di sicuro ci è tornato! E poi c’è la mia amicissima Alessandra che dopo aver provato col blog che abbiamo costruito per la mostra sul muro di Berlino si è talmente appassionata che forse ne aprirà uno tutto suo… e la mia amica del liceo Daniela che ogni tanto mi commenta… e  Fabi con la quale condivido ricordi da prima che ci conoscessimo veramente… la glamourosissima amica Stefania, che ha un blog che racconta di cose interessantissime e socialmente utili (diciamo l’esatto contrario di me!!)… la sorellina più meravigliosa del mondo… Federica, Gioia e tutte le altre splendide amiche e non amiche che mi stanno accanto (virtualmente e telematicamente parlando).

E per dirla con Ramazzotti: grazzzzzzie di esistereeeee!!


3 commenti

Archiviato in caro diario..., famiglia

Annuncio

Oggi è uscito su Tuttoaffari l’annuncio che ho messo per cercare una colf e sono scioccata dalla quantità di gente che chiama disperata per un posto di lavoro. Le telefonate sono iniziate alle 8.30 e comprendono signore di tutte le nazionalità ed estrazione sociale: la signora peruviana che fa telefonare dall’amica che parla meglio, la mamma rumena che chiama per la figlia di 29 anni che ha lasciato in patria marito e figlia, la signora moldava laureata, la signora italiana che vive alla crocetta, è in mobiità ma non riesce a pagarsi l’affitto… insomma un’umanità vastissima e variegata accomunata dalla comune, disperata ricerca di un lavoro. Chi chiudeva la telefonata dicendo: “Ma io ho proprio bisogno di questo lavoro”, chi, arrivata per ventesima e quindi ultima a ricevere l’appuntamento (ne ho per tutta la settimana!) sospirava: “Avrà il posto il più fortunato…”

Sono veramente scossa da quest’ondata di speranza mista a disperazione che mi si è rovesciata addosso stamane con quest’annuncio. E che non è che una minimissima parte della disperazione nella quale vivono migliaia di persone proprio vicino a noi.

3 commenti

Archiviato in caro diario...