Archivi tag: honeymoom

Stoccolma!

I presupposti non erano dei migliori… Mentre sto per sedermi sulla valigia per riuscire a chiuderla, suona il telefono: è la maestra che mi dice che Marti piange dal mal di pancia. Panico! Vedo già l’aereo scalcagnato di Ryan Air che decolla senza di noi, ma poi la prode Giovanna si fa avanti e mi assicura che andrà tutto bene, che andrà lei a prendere Marti e che non mi devo preoccupare. Ok, allora partiamo, Stoccolma ci aspetta (e ci aspetterà ancora un bel po’ perché ci impieghiamo non meno di 9 ore ad arrivare!!!)
Tre ore di autostrada per Bergamo, due ore e mezza di aereo che diventano tre per ritardi vari, e per fortuna che abbiamo comprato il fast track, la cosa più antidemocratica che abbia mai provato, passando davanti a famiglie con bambini che si sono messi in coda in età prescolare e arrivano al controllo che possono prendere la patente…
Il volo atterra alle 22.30 ad un comodo aeroporto a 100 km da Stoccolma e noi due, sgomitando con nonchalance, riusciamo ad aggiudicarci gli ultimi 2 posti sul pullman che parte di lì a poco per il centro città. Con un timing perfetto a mezzanotte e mezza arriviamo alla stazione e di lì dobbiamo solo (!!) più prendere un taxi per la bellissima, ma isolatissima isoletta dove ho prenotato l’albergo. Arriviamo esausti, resistiamo a non accasciarci alla reception solo perché abbiamo una fame blu che ci tiene svegli (ovviamente sul volo Ryan Air erano quasi finiti TUTTI gli snack A PAGAMENTO!) e in compagnia dei nostri stomaci rumoreggianti percorriamo tutto l’albergo, che è luuuuuunghissimo, dalla parte del giardino perché la porta da cui saremmo dovuti entrare è momentaneamente fuori uso.
Alle 2 di notte, dopo aver divorato una tavoletta di cioccolato e tutte le mandorle salate del frigobar, ci accasciamo sul letto più piccolo che io abbia mai visto tra i letti doppi (diciamo un materasso di una piazza bello comodo) sperando che Stoccolma valga lo sbattone.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in viaggi, voli aerei