Elba mon amour!

Siamo all’Elba da soli 3 giorni, ma mi sento di dire che il test sulle arterie nuove di Giorgio è stato ampiamente superato! Dopo esserci ritrovati tutti insieme a Marina di Salivoli (chi arrivato con barca chi sulle 4 ruote) decidiamo di salpare di primo mattino (più o meno mezzogiorno) per l’Elba. La traversata di un’oretta che ci separa dall’isola sarebbe molto piacevole se non fosse per i traghetti che la percorrono parecchie volte al giorno avanti e indietro: fino a 100 corse quotidiane avevamo letto sulle pubblicità e le abbiamo incrociate quasi tutte!

Scampati ai traghetti e alle onde indotte dal loro passaggio ancoriamo a sud dell’isola e ci godiamo una giornata di sole, mare e pesci. La sera torniamo in porto soddisfatti e bruciacchiati. Mattino dopo dapprima decidiamo di non uscire dato il forte vento di scirocco previsto, ma poi conveniamo che le previsioni non sono attendibili e puntiamo verso l’Elba. Il vento è sostenuto e poco tempo -ma molti traghetti- dopo siamo in una caletta meravigliosa vicino a Portoferraio, a Nisporto. Continuiamo a complimentarci con noi stessi per la scelta e ci godiamo la giornata sino alle 6, quando decidiamo di rientrare in porto. Appena usciti dalla caletta troviamo un forte vento e mare grosso, ma soprattutto non una vela in vista. Decidiamo di andare a motore aggrappati al bimini che sembra prendere il volo da un momento all’altro quando sentiamo un rumore sospetto: è la spia del surriscaldamento del motore! Il comandante inverte la rotta, spegne il motore e apre il fiocco e soltanto col nostro piccolo fiocco autovirante andiamo di bolina toccando velocità inaspettate. Io chiamo Portoferraio ma ovviamente non c’è nemmeno un posto libero, allora chiamo la Guardia Costiera che ci suggerisce di raggiungere la rada del Porto. Probabilmente nella caletta di Nisporto saremmo più riparati, ma io mi sento più sicura vicino alla civiltà (e a qualcuno che ci aggiusti il motore!) quindi puntiamo verso Portoferraio. Arrivati all’ingresso del porto tentiamo la virata ma il fiocco non ne vuol sapere, in compenso gli scogli si avvicinano festosi… Al terzo tentativo finalmente il motore dà segni di vita e riusciamo a virare e a evitare in traghetto che ci suona insistentemente alle spalle con un aggraziato giro intorno a noi stessi; non c’è storia, Wanetula è sempre la barca più elegante!!

Entrati in porto cerchiamo un posticino dove gettare l’ancora tra gli sguardi d’odio degli altri velisti (alla faccia della solidarietà tra simili!). Al secondo tentativo troviamo un buchetto perfetto da cui non ci muoviamo per tutta la notte, al contrario dei nostri vicini che alle 3 di notte si sono dovuti spostare perché avendo poca ancora se ne andavano in giro ad arare per il porto… Giorgio non ha dormito più di 3 ore e sicuramente non di fila, Fra ha dormito sul divano perché gli mancava l’aria (ma se c’erano raffiche di vento a 30 nodi?!), Benni si è imbottita di stugeron e io vegliavo su Giorgio che vegliava sulla barca. L’unica che ha dormito il sonno dei giusti è stata Marti, che si è svegliata il mattino dopo a metà della traversata del ritorno verso la terraferma, molto contrariata perché doveva indossare il giubbottino di salvataggio…

A Marina di Salivoli ci hanno cambiato la cinghia del motore e dopo un pomeriggio di riposo, un giretto con cena a Grosseto e una dormita ristoratrice (a parte quando ha iniziato a diluviare e Giorgio si è alzato a chiudere gli obló, aprire lo sprayhood, chiudere il bimini e cazzare le trappe) ora siamo pronti per nuove avventure…

Ma non dovevano essere le vacanze piú rilassanti quelle in barca a vela???!!!!

20130809-141703.jpg

4 commenti

Archiviato in 2013, caro diario..., vacanze, vela

4 risposte a “Elba mon amour!

  1. rbernascone

    Volete passare tutti a farvi due giorni di quiete qui con San Francesco (che sempre vi protegge!)?

  2. Paola

    Urca che avventure… ma che proprietà di linguaggio marinaro che hai!!! troppo comunicatrice, anche a bordo!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...