Vela spiego…

La crociera parte sotto i migliori auspici: LA skipper che doveva accompagnarci ha avuto un incidente e si deve sottoporre ad una operazione, il suo sostituto ha male ad una spalla e deve fare un ciclo di radioterapia quindi ricadiamo sulla terza scelta, il simpatico Giovanni! Ci imbarchiamo il 6 sera, andiamo a fare un bagnetto lì vicino e poi torniamo a cenare a Tropea, salendo dal porto e quindi dai 240 gradini che portano al primo “affaccio”. Si dorme in porto, a 50 m dalla discoteca che spegne la musica verso le 5, mezz’oretta prima della nostra partenza. Alle 6, freschi come delle roselline di campo, diamo inizio alla crociera e, rigorosamente a motore perché non c’è una bava di vento, in 6 ore raggiungiamo Lipari dove ci bagniamo (e svegliamo) un po’. Poi Panarea, dove ci mettiamo in rada facendo attenzione a stare lontani dalla temibilissima discoteca Raya, raggiunta di sera da traghetti che arrivano da TUTTE le Eolie e si fermano sino all’alba.

Col tender e poi con il taxi dell’isola facciamo un giro e vediamo solo fighetti in Panama bianco e quindi dopo un’ottima granita torniamo in barca e ceniamo. Siamo lontani dal Raya ma non dalla festa in una villa dove ballano tutta la notte, quindi al suono di Vamos a la playa e sognando i Righeira passiamo la nostra seconda notte in barca.

Mattino sveglia presto, manco a dirlo!, e partenza per Lipari. Cami dice che non metterà mai più piede su una barca a vela, Marti piange che le manca tanto l’asilo e Fra bofonchia che non c’è vento e dobbiamo andare a motore e in questo clima disteso incontriamo i faraglioni e le piscine naturali della costa di Lipari: è un paesaggio mozzafiato!

La sera cena a Lipari e negozietti, si dorme ormeggiati vicino al porto.

Terza mattina, si parte per Vulcano. C’è un po’ di vento quindi si veleggia un po’. La natura è bellissima, sembra di tornare nel giurassico, ci ormeggiamo al pontile di Vulcanello perché il meteo paventa burrasca, mangiamo in barca e poi Giorgio io e Giovanni camminiamo al buio totale sino al paesello. Notte in porto, sarà silenzioso? Naaaaa, i nostri vicini napoletani a mezzanotte decidono di festeggiare il compleanno del figlioletto: “tanti auguri a teeeeeeeee…..”

La quarta mattina c’è vento e moooolto mare, decidiamo di prenotare il pontile anche per la sera per sicurezza e veleggiamo un po’ intorno all’isola. Cami sempre più disperata, Marti non mette mai il naso fuori e gioca in cabina tutto il tempo… almeno capiamo che non patisce.

Penultimo giorno di barca, arriviamo a Salina; c’è molto mare e Fra si sente male (probabilmente perchè ha mangiato 1kg e mezzo di noccioline a colazione…) quindi alle 14 scendiamo a terra perché lui si riprenda. Tutti i negozi sono chiusi sino alle 17 mai noi ci consoliamo ingurgitando buonissime granite: io limone, Fra arancio, Cami 2 ai fichi, Giorgio 1 pesca e 1 fichi… ciondoliamo sino alle 17 e poi torniamo in barca per due tuffi. Sera cena da mamma savina, con vista strepitosa su Stromboli e prelibatezze gastronomiche… io parto con le zeppe di Prada e, ovviamente, torno a piedi nudi… le caviglie mi servono ancora per qualche giorno!

7 commenti

Archiviato in Uncategorized

7 risposte a “Vela spiego…

  1. non vedo l’ora di avervi qui!!!!!

  2. Valentina

    Unici unici unici!!!!!!!!! I tuoi post vacanzieri sono davvero impagabili!!!!!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...